Cookie Consent by Free Privacy Policy website Ancora una vittoria per Aprilia Tuareg alla Africa Eco Race
gennaio 11, 2024 - Aprilia Racing

Ancora una vittoria per Aprilia Tuareg alla Africa Eco Race

JACOPO CERUTTI CENTRA IL QUARTO SUCCESSO DI TAPPA E ALLUNGA AL COMANDO NELLA GENERALE A TRE TAPPE DALL’ARRIVO A DAKAR

Amodjar, 11 gennaio 2024 - Dopo nove tappe e oltre 4.500 km percorsi, Aprilia è sempre in testa all’Africa Eco Race, il rally raid scattato lo scorso 30 dicembre nel Principato di Monaco e che, attraversando il Sahara Occidentale, giungerà domenica 14 gennaio a Dakar. Al suo esordio assoluto sulle sabbie del deserto africano, la Tuareg condotta magistralmente da Jacopo Cerutti continua a stupire e difende, tappa dopo tappa, il primato che le appartiene sin dalla prima giornata di gara.

Al termine della nona tappa, disputata oggi sulle dune della Mauritania, Cerutti e la sua Tuareg allungano al comando della classifica generale grazie al quarto successo parziale, giunto in seguito a una penalizzazione di 6 minuti comminata ad Alessandro Botturi. Giunto al traguardo insieme al diretto rivale in classifica, il comasco può ora contare su 7’04” di vantaggio sullo stesso Botturi, mentre Pol Tarres risulta staccato di 24 minuti e 27 secondi.
Si preannuncia quindi una lotta sul filo dei secondi, con la gara che si deciderà nelle prossime due tappe, le ultime nelle quali poter fare selezione prima della passerella finale di domenica 14 gennaio, che prevede solo 15 km di speciale nei pressi del Lago Rosa di Dakar.

Domani la decima tappa, da Amodjar ad Akjoujt: 415 km e 390 di speciale.

Per restare aggiornati su tutte le novità, seguire la pagina web
www.aprilia.com/it_IT/aprilia-racing/aprilia-tuareg-rally/africa-eco-race/

JACOPO CERUTTI
“Mi aspettavo una tappa tra le più impegnative, in realtà oggi le dune erano più semplici da affrontare rispetto a quelle di ieri. Mi sono perciò goduto un gran bel percorso, anche se in verità inizio ad avvertire un po’ di stanchezza, ormai le energie residue sono davvero poche. Anche oggi mi sono ritrovato a percorrere quasi tutta la tappa insieme a Botturi e Tarres; sono sempre rimasti alle mie spalle, forse sperando che potessi commettere qualche errore, ma non ho sbagliato e così, in seguito alla penalizzazione di Botturi, è arrivata un’altra vittoria”.