settembre 10, 2021 - Moto Guzzi

MOTO GUZZI: PRESENTATO L’AVVENIRISTICO PROGETTO DELLA NUOVA FABBRICA E DEL MUSEO DI MANDELLO

UN AMBIENTE CON SPAZI APERTI E FRUIBILI AL PUBBLICO. UN CENTRO DI AGGREGAZIONE DELLA COMUNITÀ, FONDATO SU CULTURA, DESIGN E MECCANICA, CON UNA SPICCATA ATTITUDINE GREEN, PROPRIA DEL MONDO CONTEMPORANEO. SARÀ L’ESEMPIO DI SVILUPPO TECNOLOGICO DEL PIÙ BEL PRODOTTO MOTOCICLISTICO ITALIANO

LA NUOVA FABBRICA SARÀ UN PUNTO DI RIFERIMENTO, OLTRE CHE PER GLI APPASSIONATI DI MOTO GUZZI, ANCHE PER IL MONDO DEI GIOVANI E DEL TURISMO INTERNAZIONALE CHE SI VUOLE AVVICINARE ALLE FANTASTICHE UNICITÀ DEI SUOI PRODOTTI

LO SVILUPPO, PENSATO DALL’ARCHITETTO GREG LYNN, DERIVA DAI PIÙ INNOVATIVI PROGETTI DEL DESIGN INDUSTRIALE AMERICANO. È NELL’INTEZIONE DEL GRUPPO PIAGGIO LANCIARE IL MARCHIO MOTO GUZZI NON SOLO COME SINTESI DI MECCANICA MA ANCHE COME ESEMPIO DI DESIGN MODERNO

IL PROGETTO SI SVILUPPA SU LINEE DI MODERNITÀ E FUTURO, PROPRIE DELL’EVOLUZIONE DEGLI ATTUALI TEMPI

LA COMUNITÀ MOTO GUZZI SI FONDE CON LA NUOVA MOTO V100 MANDELLO, MOSTRATA IN ESCLUSIVA MONDIALE DURANTE L’EVENTO. LINEE FANTASTICHE, MOTORIZZAZIONE ALL’AVANGUARDIA E LE PIÙ MODERNE TECNOLOGIE, INTRODUCONO IL MARCHIO MOTO GUZZI NEL PROSSIMO SECOLO

Mandello del Lario, 10 settembre 2021 - “Road to 2121: i prossimi 100 anni di Moto Guzzi”. Presentato oggi a Mandello del Lario l’importante progetto di ristrutturazione conservativa del sito industriale nel quale, da un secolo esatto, viene prodotta ogni singola motocicletta del Marchio dell’Aquila.

Disegnato dall’architetto e designer statunitense di fama mondiale Greg Lynn, l’intervento interesserà l’intera area. Si tratta di un progetto avveniristico, unico per stile e genere: un ambiente con spazi aperti e fruibili al pubblico. Sarà un centro di aggregazione della comunità, fondato su cultura, design e meccanica, con una spiccata attitudine green, propria del mondo contemporaneo.

Un’attenzione costante alla sostenibilità ambientale e all’uso efficiente delle risorse. I nuovi edifici saranno realizzati con l’utilizzo delle cubature esistenti, con una scelta di materiali improntata ad una forte attenzione a una efficiente gestione delle risorse energetiche, con impianti fotovoltaici e materiali ecosostenibili.

Sarà un punto di riferimento, oltre che per gli appassionati di Moto Guzzi, anche per il mondo dei giovani e del turismo internazionale che si vuole avvicinare alle fantastiche unicità delle sue moto.

L’ampliamento della capacità produttiva, in linea con l’incremento costante della domanda di mercato, andrà ad affiancarsi a una concezione completamente nuova dell’impianto di Mandello.

Il progetto prevede, insieme al nuovo stabilimento, nuovi spazi congressuali, destinati ad eventi interni ed esterni, oltre a un albergo e un ristorante che rendono completa l’offerta di accoglienza per visitatori attesi da tutto il mondo.

I lavori saranno avviati entro il 2021, e saranno completati nella prima metà del 2025.

Nell’occasione è stata mostrata in esclusiva mondiale, la nuova Moto Guzzi V100 Mandello. Le sue linee fantastiche, la motorizzazione all’avanguardia e le più moderne tecnologie, introducono il marchio Moto Guzzi nel prossimo secolo.

L’appuntamento per la presentazione ufficiale della nuova moto è per il prossimo 23 novembre al Salone Internazionale delle Due Ruote EICMA di Milano.

***

Greg Lynn è un architetto di fama mondiale, membro dello United States Artists, professore presso la UCLA School of the Arts and Architecture ed è membro del Board of Trustees del Centro Canadese per l'Architettura. Tra i riconoscimenti di cui è stato insignito si ricorda il Leone d'oro alla Biennale di architettura a Venezia nel 2008 e il riconoscimento dell'American Academy of Arts & Letters Architecture.  Sua la celebre Ravioli Chair, esposta alla collezione permanente del MoMA, e diversi oggetti di design frutto della collaborazione con molteplici aziende tra cui Swarovski, Alessi e Vitra. Time Magazine ha inserito Greg Lynn tra le 100 persone più innovative al mondo nel 21° secolo, e la rivista Forbes Magazine lo ha nominato uno dei dieci architetti più influenti al mondo.