agosto 05, 2019 - Aprilia Racing

Iannone 17esimo precede Espargaró, 18esimo, nel GP di Brno

Sul traguardo di Brno Andrea Iannone ha chiuso diciassettesimo precedendo di una posizione, e di pochi centesimi, Aleix Espargaró. E’ stata una gara difficile per l’Aprilia Racing Team Gresini, con entrambi i piloti che hanno finito fuori dai punti.

Dopo un warm up positivo, che lo aveva visto chiudere dei dieci, Aleix è stato protagonista di una ottima partenza che lo ha proiettato in top ten nel corso del primo giro. Ma è stato penalizzato da un comportamento della gomma mai sperimentato nel corso del weekend, la prestazione ha iniziato a calare a causa di un forte spin che ha costretto Aleix a dosare il gas anche in rettilineo. Il pilota catalano ha così dovuto cedere via via posizioni.

Anche Andrea, dopo una qualifica difficile, è partito molto bene dalla parte bassa dello schieramento, risalendo subito di sei posizioni. La sua prestazione è stata più costante di quella di Aleix, tanto da riprenderlo nel finale di gara.

ALEIX ESPARGARO’

“Oggi dopo una ottima partenza mi sono ritrovato a ridosso dei primi dieci e onestamente pensavo di poter ripetere una gara come quella del Sachsenring, anche perché la moto non sembrava niente male. Ma dopo pochi giri ho iniziato ad avere uno spin anomalo alla gomma posteriore, perfino nelle marce più alte. E’ un peccato perché il feeling era buono, al netto di questo problema. Domani avrò a disposizione un nuovo telaio e un nuovo forcellone, oltre a qualche idea di elettronica che vogliamo sperimentare. Sarò il primo a scendere in pista e cercheremo di fare un passo avanti”.

ANDREA IANNONE

“Purtroppo abbiamo sofferto durante tutto il weekend. In gara ho provato a gestire la gomma nella prima parte per provare a recuperare nel finale, ma non è bastato. Domani abbiamo una importante giornata di test, dobbiamo reagire e puntare ad essere più reattivi. Nonostante le difficoltà non molliamo, vogliamo far crescere questo progetto e gare come questa devono essere uno stimolo ulteriore per tutti, per il team e per chi lavora a casa”.