maggio 08, 2019 - Vespa

Vespa Sei Giorni II Edition

DAL GRANDE SUCCESSO DI VESPA SEI GIORNI NASCE LA SECONDA SERIE DI UNA MODERNISSIMA LEGGENDA
LA NUOVA EDIZIONE NUMERATA È ISPIRATA ALLA STORIA EPICA E VITTORIOSA DELLA PIÙ FAMOSA VESPA DA COMPETIZIONE
IL NUOVO MOTORE 300 HPE DA OLTRE 23 CV È IL PIÙ POTENTE MAI MONTATO SU UNA VESPA

Dopo il grande successo commerciale della prima edizione del 2017 nasce Vespa Sei Giorni II Edition.
Torna una leggenda contemporanea che evolve ancora l’idea della nuova Sei Giorni, nata dall’incontro tra la tecnologia e la vocazione al viaggio tipiche della famiglia Vespa GTS e la storia autenticamente sportiva di Vespa.
Vespa Sei Giorni rievoca l’epopea vittoriosa dell’originale e omonima Vespa Sport “Sei Giorni”, realizzata per la massacrante gara di regolarità “Sei Giorni Internazionale di Varese” del 1951, nella quale fu protagonista assoluta e sorprendente, conquistando 9 medaglie d’oro.
A due anni di distanza Vespa Sei Giorni II Edition spinge ancora avanti quel concetto: prodotta anch’essa in edizione numerata, è rivista nello stile e nei contenuti tecnici.
Caratterizzata come sempre dalla grande scocca realizzata in acciaio, perfetta per muoversi elegantemente in città ma sempre pronta al viaggio e all’avventura, la versione rinnovata di Vespa Sei Giorni adotta la più potente motorizzazione nella storia dello scooter più famoso e amato al mondo. Si tratta del nuovo motore 300 hpe (High Performance Engine), ultima evoluzione del monocilindrico di 300 cc a 4 tempi, 4 valvole, raffreddato a liquido e a iniezione elettronica. Rispetto alla prima versione la potenza massima raggiunge il valore di 17,5 kW (23,8 CV) a 8250 giri, che si traduce in un incremento del 12%, mentre la coppia massima, pari a 26 Nm a 5250 giri, è cresciuta del 18%. Valori di assoluto riferimento che sono immediatamente apprezzabili nell’accelerazione da fermo.

UNO STILE UNICO, ISPIRATO ALLE ORIGINI DI VESPA
Lo stile della Vespa Sei Giorni è un richiamo esplicito alla classicità di Vespa. Ne sono elementi caratterizzanti il “faro basso”, ossia il posizionamento del gruppo ottico sul parafango anteriore così come il manubrio che sulla Vespa Sei Giorni originale, come nelle Vespa dell’epoca, si caratterizzava per la semplicità del tubo metallico a vista. Una soluzione di grande fascino stilistico e razionalità costruttiva che il nuovo modello riprende arricchendola di una elegante strumentazione circolare con tachimetro analogico su fondo bianco. Un richiamo allo stile originario di Vespa corredato però da una dotazione tecnologica modernissima che assicura al pilota grande ricchezza di informazioni.
Un ulteriore elemento distintivo di Vespa Sei Giorni è il cupolino brunito che fascia elegantemente la strumentazione, mentre il frontale accoglie i medesimi interventi stilistici che hanno rinnovato il design di Vespa GTS: al centro dello scudo, ridisegnato, è incorporata l’inconfondibile “cravatta”, allungata e impreziosita da tre fregi nero opaco. Ai lati dello scudo, le griglie sono caratterizzate da un motivo a nido d’ape.
L’estetica generale segue gli stilemi delle Vespa più sportive col portanumero nero ripreso direttamente dalla livrea delle Vespa della mitica Squadra Corse degli anni ’50, ed è esaltata da particolari completamente neri - come i cerchi e il silenziatore di scarico - e da grintosi dettagli rossi. Vespa Sei Giorni II Edition è inoltre caratterizzata dal nuovo colore dedicato Grigio Sei Giorni.
La sportività di Vespa Sei Giorni è sottolineata anche dalla sella dal look monoposto (ma in realtà omologata anche per il passeggero) in doppio rivestimento con cadenino, impunture elettrosaldate sulla seduta e cuciture bianche in contrasto. Sul retroscudo, infine, la targhetta numerata “Vespa Sei Giorni II Edition” ricorda l’unicità di questo modello speciale.

COMFORT E SICUREZZA
Vespa Sei Giorni fa propri valori tipici della gamma Vespa GTS quali stile, comodità e sicurezza: come tutte le versioni della Vespa a scocca grande, Vespa Sei Giorni vanta un generoso vano sottosella e una seduta ampia e comoda. L’ergonomia è quella perfetta di Vespa, esaltata dalla comodità della scocca grande; la seduta è naturale e consente totale controllo del veicolo e comfort assoluto anche sulle lunghe distanze.
Di serie è presente la porta USB, collocata all’interno del cassetto nel retroscudo, mentre la fanaleria posteriore adotta ora la tecnologia di illuminazione full LED, soluzione che contribuisce a migliorare la sicurezza attiva. Sul fronte della sicurezza, è presente di serie il sistema antibloccaggio in frenata ABS.

ACCESSORI
Per Vespa Sei Giorni, come per tutte le versioni di Vespa GTS, sono disponibili il parabrezza, il capiente bauletto da 42 lt e il supporto bauletto. I portapacchi anteriore e posteriore sono tra i più richiesti ed apprezzati accessori che connotano in modo forte e riconoscibile la personalità e la lunga tradizione di viaggiatrice di Vespa. Tra gli accessori cromati si ricorda inoltre il kit perimetrale che garantisce la massima protezione della Vespa e assicura una decisa personalizzazione estetica. Per offrire una seduta ancora più confortevole è inoltre disponibile la sella con la più classica conformazione biposto, anch’essa proposta con doppio rivestimento e cadenino. La sella in vera pelle “Made in Italy” color testa di moro dona invece un tocco d’eleganza in più
Il telo copri gambe in materiale termico, facile da montare, garantisce il comfort di marcia in ogni periodo dell’anno. Il set di accessori si completa con il telo copri veicolo, l’antifurto meccanico, l’antifurto elettronico, il tappetino in gomma antiscivolo e la borsa in vero cuoio.
Infine, tra gli accessori più caratterizzanti e a più alta tecnologia figura il sistema VESPA MIA, che permette di mettere in comunicazione il proprio smartphone con Vespa ottenendone un vero e proprio sofisticato computer di bordo multifunzione, in grado di visualizzare simultaneamente informazioni come tachimetro, contagiri, ma anche potenza e coppia del motore istantaneamente erogati, accelerazione longitudinale, consumo di carburante istantaneo e medio, velocità media e voltaggio batteria, informazioni sul viaggio e molto altro ancora.
Oltre agli accessori, sono disponibili anche capi di abbigliamento specificamente dedicati a questa preziosa Vespa in edizione numerata, come il casco jet con visiera, in perfetto stile e colore col veicolo, impreziosito dai loghi “Sei Giorni”, da rifiniture della calotta in ecopelle e da interni con trattamento anallergico. Assieme alla t-shirt, al cappellino ed alla sacca in cotone, accompagnano con l’inconfondibile stile “Sei Giorni” il vespista in ogni viaggio.


VESPA SEI GIORNI: L'ORIGINE DI UN MITO
Era il 1951 e la Squadra Corse Piaggio, strabiliò il mondo delle competizioni trionfando contro vere moto off road in una delle gare più dure e prestigiose. Nel dopoguerra le gare di regolarità vivevano il loro momento più fulgido: si trattava di prove massacranti, su percorsi durissimi, lunghi centinaia di chilometri. Un banco di prova straordinario per uomini e mezzi.
La competizione più prestigiosa era la Sei Giorni Internazionale che,giunta alla 26esima edizione, si svolgeva a Varese.
Le dieci Vespa al via furono accolte dallo scetticismo generale: cosa avrebbero potuto contro vere moto pensate per le competizioni? Invece Vespa, con il modello realizzato proprio per quella gara partendo dalla versione Sport, dominò conquistando ben 9 medaglie d’oro individuali. Fu una supremazia schiacciante, ottenuta su impervi percorsi off road e con una prova di pura velocità sul circuito di Monza, che valse a Piaggio anche la Medaglia d’Oro dell’Industria come unica squadra italiana a vincere la prova.
La Vespa “Sei Giorni”, che da quella vittoria nacque e prese il nome, era un veicolo esteticamente molto simile al modello di serie, da cui si distingueva soprattutto per il serbatoio maggiorato, lo scudo più avvolgente e la sacca laterale destra più grande per ospitare il carburatore sul cilindro. Quel modello Sei Giorni è in assoluto uno dei più leggendari nella storia di Vespa: oggi è ricercatissimo dai collezionisti, ed è una delle Vespa di più alto valore essendo stata prodotta in un numero limitato di esemplari, circa 300, ovviamente destinati alle gare di regolarità.


>> Scheda Tecnica nel comunicato stampa da scaricare